La vera storia del divorzio della Principessa Diana e del Principe Carlo accordi sulla custodia, accordi finanziari e drammi sul titolo

The true story of Princess Diana and Prince Charles' divorce custody agreements, financial settlements, and title dramas.

Tra Spencer che vive ancora nelle nostre menti senza pagare l’affitto e una prossima stagione di The Crown in lavorazione, c’è un sacco di contenuto reale che ci arriva. Specialmente quando si tratta del divorzio molto pubblicizzato e incredibilmente drammatico della principessa Diana e del principe Carlo. Le rappresentazioni sullo schermo di questa separazione reale nella quinta stagione dello show di Netflix sono ovviamente di finzione, ma in tutta onestà, i fatti effettivi della partenza di Diana dalla famiglia reale sono altrettanto drammatici.

Ecco tutto quello che devi sapere su come è avvenuto il divorzio tra Diana e Carlo (la regina è stata quella che l’ha spinto) e i dettagli del loro accordo finanziario, dell’accordo sulla custodia per il principe William e il principe Harry e delle disposizioni sul titolo reale.

Tim Graham//Getty Images

Tutto è iniziato con Diana che ha affrontato Camilla riguardo alla sua relazione con Carlo

Il confronto è avvenuto durante una festa di compleanno per la sorella di Camilla, e grazie al libro del biografo reale Andrew Morton, Diana: La sua vera storia – Con le sue parole (pubblicato nel 1992), abbiamo un’idea di cosa sia successo. In particolare, sappiamo che Diana ha parlato abbastanza direttamente a Camilla e ha detto: “So cosa sta succedendo tra te e Carlo e voglio solo che tu lo sappia.” Camilla avrebbe risposto: “Hai tutto ciò che hai sempre desiderato. Hai tutti gli uomini del mondo che si innamorano di te e hai due bellissimi figli, cosa vuoi di più?” e Diana ha risposto COSÌ: “Voglio mio marito”.

Express Newspapers//Getty Images

All’inizio, Diana e Carlo si sono separati

Sebbene possa succedere, il divorzio è piuttosto malvisto tra i reali britannici. E come chiunque abbia visto The Crown sa bene, la famiglia inizialmente voleva che Diana e Carlo rimanessero insieme nonostante le accuse di infedeltà. Ma alla fine la coppia si è separata comunque, una decisione così ufficiale che il primo ministro britannico John Major l’ha annunciata nel dicembre del 1992.

Tim Graham//Getty Images

Quando la notizia della separazione è trapelata, il New York Times ha osservato che il palazzo ha fatto osservazioni di sfondo ai giornalisti e “ha fatto attenzione” a sottolineare che non c’era una “terza parte” coinvolta. Il NYT ha anche menzionato “rapporti non confermati” secondo cui Carlo era “più vicino a Camilla Parker Bowles, un’antica fidanzata, che a sua moglie” e che la principessa Diana aveva “una lunga e intima conversazione con un uomo senza nome che la chiamava ‘Squidgy’ e diceva di amarla”.

Charles ha ammesso infine la sua infedeltà

Due anni dopo la loro separazione nel 1992, Carlo ha fatto un’intervista televisiva nel giugno del 1994 confermando di essere stato infedele a Diana. L’intervista è stata condotta nella tenuta di Carlo a Highgrove, dove gli è stato chiesto direttamente se fosse stato “fedele e onorevole” quando ha sposato Diana. Ha risposto: “Sì, assolutamente”, ma poi gli è stato chiesto: “E tu lo eri?” e ha detto: “Sì, finché non si è irrimediabilmente distrutto, entrambi abbiamo provato”.

AFP//Getty Images

Un anno dopo, nel novembre del 1995, Diana si è seduta per un’intervista con Panorama della BBC, che ora sappiamo essere stata ottenuta in modo poco etico. Nell’intervista, Diana ha parlato apertamente di molte parti della sua vita con i reali e ha detto che c’erano “tre persone nel [suo] matrimonio”.

La regina ha chiesto a Carlo e Diana di divorziare

La Regina ha richiesto che Diana e Charles rendessero ufficiale la loro separazione poco dopo l’intervista a Panorama. Secondo il New York Times, Buckingham Palace ha rilasciato una dichiarazione il 21 dicembre 1995, dicendo che la Regina aveva scritto a Charles e Diana sollecitandoli a divorziare.

Tim Graham//Getty Images

Diana ha annunciato infine di aver accettato il divorzio tramite il suo portavoce il 29 febbraio 1996. Il suo avvocato, Anthony Julius, ha anche rilasciato una dichiarazione a BBC News, dicendo: “È stata una decisione eccezionalmente difficile e una che la Principessa di Galles ha preso con immensa tristezza e rimpianto”.

Tim Graham//Getty Images

Nel frattempo, un portavoce del palazzo ha detto alla stampa che “la Regina era molto interessata a sapere che la Principessa di Galles aveva accettato il divorzio” e che “tutti i dettagli su questi argomenti, inclusi i titoli, devono ancora essere discussi e risolti. Questo richiederà del tempo”.

Il regolamento era molto specifico, quindi analizziamolo.

Diana ha mantenuto il titolo di “Principessa del Galles”

Ma è stata costretta a rinunciare al titolo di “Sua Altezza Reale” così come a qualsiasi futura pretesa al trono della famiglia reale.

Ha conservato gli appartamenti al Palazzo

Come parte del regolamento del divorzio, Diana ha potuto conservare gli appartamenti a Kensington Palace. Le è stato anche concesso l’accesso ai jet utilizzati dalla famiglia reale e le è stato detto che poteva “utilizzare gli appartamenti di St. James’s Palace per intrattenere”.

Samir Hussein//Getty Images

Ha ricevuto un accordo finanziario

Buckingham Palace ha annunciato che Diana avrebbe ricevuto un pagamento in un’unica soluzione invece di assegni di mantenimento regolari e sebbene non abbiano fornito dettagli, l’importo si dice fosse di 22,5 milioni di dollari in contanti più 600.000 dollari all’anno per il suo ufficio, secondo quanto riportato dal New York Times all’epoca.

Lei e Charles hanno diviso la custodia

Diana e Charles hanno avuto “accesso paritario” ai loro figli, William e Harry, durante la loro separazione, che si dice sia stata una transizione facile poiché già si alternavano nelle festività.

Questo è praticamente tutto ciò che sappiamo sul divorzio, ma per saperne di più sul ruolo di Camilla in tutto questo, continua a leggere qui sotto: