Gli astringenti possono cambiare il gioco per i tuoi pori – ecco cosa devi sapere

Gli astringenti cambiano il gioco dei pori - ecco cosa sapere

Liz DeSousa / HotSamples

In questo articolo

Se ricordi gli anni ’90, è probabile che tu sia familiare con gli astringenti. Dopo tutto, gli Astringenti di Sea Breeze e le Lozioni Purificanti di Clinique erano molto popolari, promettendo una pelle pulita in poche passate. Le formule a base di alcol, ultra-potenti, erano praticamente un requisito per gli adolescenti, teoricamente per tenere lontani i brufoli.

Anche oggi, alcuni devoti giurano ancora dagli astringenti, in particolare per ridurre i pori e assorbire l’eccesso di sebo. E le formule di oggi sono più avanzate di quelle di un tempo, sfruttando il potere degli sviluppi nella cura della pelle e prendendo in considerazione l’interesse crescente per la protezione della barriera cutanea. Continua a leggere per scoprire tutto ciò che devi sapere sugli astringenti moderni, inclusi chi dovrebbe usarli e come si differenziano dai tonici tradizionali, direttamente dalla dermatologa certificata Ranella Hirsch, MD, e dalla dottoressa di pratica infermieristica Jodi LoGerfo, DNP.

Incontra l’Esperta

  • Ranella Hirsch, MD, è una dermatologa certificata con sede a Boston.
  • Jodi LoGerfo, DNP, è una dottoressa di pratica infermieristica e una infermiera specializzata in medicina di famiglia e dermatologia.

Cosa sono gli Astringenti?

Gli astringenti vengono utilizzati immediatamente dopo la pulizia per tonificare la pelle e ridurre l’aspetto dei pori dilatati, spiega LoGerfo. Sono solitamente a base d’acqua e sono destinati a rimuovere eventuali residui di sporco, trucco, sebo e impurità rimaste dopo la pulizia.

Secondo Hirsch, poiché gli astringenti sono destinati ad assorbire il sebo, solitamente lasciano la pelle tirata, dato che la parola “astringente” si riferisce a qualcosa che provoca la contrazione delle cellule cutanee e dei tessuti corporei. Considerati i risultati desiderati, non sorprende che l’alcol, l’acido salicilico e l’acqua di hamamelis siano tutti ingredienti comuni negli astringenti.

Entrambi gli esperti concordano sul fatto che gli astringenti sono particolarmente benefici per coloro che hanno la pelle grassa o soggetta all’acne. Le persone con pelle sensibile o secca potrebbero trovare gli astringenti troppo aggressivi.

Astringenti vs Tonici

Nel linguaggio comune, “astringente” e “tonico” tendono ad essere usati in modo intercambiabile. In realtà, sono leggermente diversi. Gli astringenti rientrano nella categoria dei tonici; in altre parole, tutti gli astringenti sono tonici, ma non tutti i tonici sono astringenti.

Mentre gli astringenti sono specificamente destinati a pulire e stringere i pori, i tonici possono avere una serie di benefici. Per essere chiari, quei benefici possono includere la pulizia e la contrazione dei pori, ma non si limitano a questi: alcuni idratano, altri esfoliano, e così via.

Dati i loro benefici estesi, i tonici sono più universali degli astringenti: chiunque può trarre vantaggio da un tonico. Dipende solo dal trovare la formula giusta.

Quali sono i benefici degli Astringenti?

Come abbiamo già detto, gli astringenti hanno alcuni benefici chiave. Ecco un riepilogo:

  • Puliscono la pelle: Secondo quanto afferma LoGerfo, gli astringenti aiutano a rimuovere eventuali residui di sporco, trucco, residui e impurità sulla pelle dopo la pulizia.
  • Rimuovono l’eccesso di sebo: Gli astringenti assorbono gli eccessi di sebo e li rimuovono dalla pelle, ci dice Hirsch.
  • Diminuiscono l’infiammazione: Stringendo e restringendo la pelle, gli astringenti aiutano a diminuire l’infiammazione. Questo è particolarmente utile per coloro che hanno la pelle soggetta all’acne e potrebbero avere punti infiammati attivi.
  • Ristringono e riducono l’aspetto dei pori: Come già detto, gli astringenti causano la contrazione delle cellule cutanee e dei tessuti corporei. Applicati topicamente, ciò fa sì che i pori si restringano e appaiano più piccoli, spiega LoGerfo.
  • Riducono le eruzioni cutanee: Poiché l’eccesso di sebo e di impurità può contribuire all’insorgenza di acne, LoGerfo afferma che gli astringenti possono ridurre la probabilità di eruzioni cutanee.

Effetti collaterali potenziali degli astringenti

Secondo LoGerfo, gli astringenti possono bruciare o pizzicare durante l’applicazione, causando rossore e sensibilità aumentata. Gli astringenti sono pensati per assorbire l’olio, ma a seconda della forza del prodotto e dei livelli di olio sulla pelle, potrebbero finire per eliminare l’olio in eccesso e lasciare la pelle infiammata, causando persino desquamazione. Hirsch ci avverte che possono anche causare secchezza e irritazione grave, specialmente se contengono alcol.

In generale, gli astringenti a base di alcol sono particolarmente rischiosi. Tuttavia, anche quelli senza alcol possono causare danni potenziali alla pelle. Per coloro che hanno l’acne, gli astringenti forti possono addirittura irritare ulteriormente i brufoli, soprattutto se la pelle è secca. Ciò può portare a desquamazione, arrossamento aggiuntivo e infiammazione, avverte LoGerfo.

Non fraintendeteci: gli astringenti non sono del tutto cattivi, semplicemente non sono adatti a tutti i tipi di pelle e problematiche. Se hai infezioni cutanee attive, psoriasi, eczema o qualsiasi altra condizione cutanea che provoca pelle irritata o lesa, entrambi i medici suggeriscono di evitare gli astringenti. Anche coloro che hanno la pelle sensibile o eccessivamente secca dovrebbero procedere con cautela.

Come utilizzare gli astringenti

Gli astringenti vengono solitamente applicati dopo la pulizia, spruzzati direttamente sul viso o passati sulla pelle con un batuffolo di cotone imbevuto, spiega LoGerfo.

Poiché gli astringenti possono seccare molto la pelle, il modo più sicuro per inserirli nella tua routine è utilizzarli un giorno sì e uno no. Da lì, puoi ridurre o aumentare la frequenza a seconda delle necessità. Se spruzzati sul viso, aspetta circa un minuto dopo l’applicazione per permettere al prodotto di assorbirsi nella pelle e asciugarsi. Per evitare irritazioni, ricorda sempre di applicare una crema idratante (e una protezione solare al mattino) per lenire e proteggere la pelle.

Considerazioni finali

La cura della pelle non è un approccio universale; ciò che funziona per una persona potrebbe non funzionare per un’altra. In tal senso, gli astringenti non sono adatti a tutti. Tuttavia, se hai problemi di eccessiva produzione di sebo o una pelle soggetta all’acne, potresti voler considerare l’aggiunta di un astringente alla tua routine. Assicurati solo di iniziare lentamente e prestare attenzione alle reazioni della tua pelle.